Commercio elettronico

Il commercio elettronico è l'attività di vendita di beni e servizi attraverso internet, che si serve di un sistema "intermediato" in quanto il rapporto di domanda ed offerta tra venditore e consumatore non è sincronizzato.
Si parla di commercio elettronico diretto quando l'oggetto del contratto concluso è un bene immateriale, generalmente un servizio fornito, trasmesso o consegnato al cliente tramite internet.
L'oggetto del commercio elettronico indiretto consiste invece in un bene materiale (ad esempio un libro, un personal computer, un compact disc) che viene ordinato via internet e poi spedito a mezzo corriere espresso.
Il commercio elettronico potrebbe essere paragonato alla più vecchia vendita per corrispondenza: il compratore consulta un catalogo redatto dal venditore e sceglie il prodotto da acquistare. Nel caso dell'e-commerce però, ci troviamo dinanzi ad una attività interattiva, poichè il catalogo non è statico, bensì telematico, ovvero caratterizzato da pagine interrogabili e si serve di strumenti di comunicazione avanzati, tanto che consentono di acquistare prodotti e servizi direttamente dalla propria abitazione, risparmiando tempo e denaro.
In questa materia la tutela del consumatore si basa sulla previsione di una serie di obblighi informativi per colui il quale presta un servizio con strumenti di comunicazione telematici. Tali informazioni devono essere facilmente accessibili ai destinatari dei servizi ed alle autorità competenti e rese in modo diretto e permanente.

Se i servizi sono resi dietro pagamento di un prezzo, quest'ultimo deve essere indicato in modo chiaro ed inequivocabile, in tutte le sue componenti (imposte, costi di consegna ecc..). Il prestatore del servizio è tenuto ad aggiornare le informazioni obbligatorie.
L'art. 12 del d.lgs 70/03 prevede per i contratti telematici, in aggiunta agli obblighi informativi previsti per specifici beni e servizi, nonché a quelli previsti dalla disciplina dei contratti a distanza (artt. 52 ss. codice del consumo), una serie di ulteriori informazioni che devono essere fornite inderogabilmente dal prestatore al consumatore, prima dell'inoltro dell'ordine, in modo chiaro, comprensibile ed inequivocabile. Il prestatore del servizio dovrà specificare le varie fasi tecniche da seguire per la conclusione del contratto, indicare il modo in cui il contratto concluso sarà archiviato e le relative modalità d'accesso, i mezzi tecnici a disposizione del destinatario per individuare e correggere eventuali errori di inserimento dati, prima dell'inoltro dell'ordine, gli eventuali codici di condotta cui il prestatore aderisce e le modalità per accedervi in via telematica, le lingue a disposizione per concludere il contratto oltre all'italiano, e l'indicazione degli strumenti a disposizione per la composizione delle controversie. Gli obblighi informativi di cui sopra sono limitati alla contrattazione per adesione, cioè a quella che muove dall'accesso ad un sito commerciale da parte del consumatore, che invia il proprio ordine al prestatore di servizi (la disciplina non si applica ai contratti conclusi con scambio di messaggi di posta elettronica o altre comunicazioni individuali, anche se il richiamo operato dal 5° comma dell'art. 52 del Codice del consumo sembra far propendere per la soluzione opposta).Infine, le clausole e le condizioni generali di contratto proposte al destinatario devono essere messe a sua disposizione in modo che gli sia consentita la memorizzazione e la riproduzione.
L'art. 13 prevede l'applicabilità ai contratti telematici delle norme sulla conclusione del contratto previste dal codice civile. La norma fissa anche l'obbligo di invio, da parte del prestatore del servizio, senza ingiustificato ritardo ed in via elettronica, della ricevuta dell'ordine del destinatario, contenente un riepilogo delle condizioni generali e particolari applicabili al contratto, delle informazioni relative alle caratteristiche essenziali del bene o del servizio, l'indicazione dettagliata del prezzo, dei mezzi di pagamento, del recesso e dei costi di consegna e dei tributi applicabili.