Arbitrato

Quando tra un'impresa ed un consumatore o tra più imprese insorge una controversia riguardante il rapporto commerciale tra loro intercorrente, queste, anziché rivolgersi ad un giudice ordinario, possono ricorrere alle c.d. procedure di risoluzione alternativa della lite (indicate con l'acronimo anglosassone A.D.R.).
Tra gli strumenti di A.D.R. rientra l'Arbitrato, che a differenza della conciliazione, prevede la figura di un terzo che decide sulla controversia.
La caratteristica fondamentale dell'arbitrato è che sono le parti a scegliere gli arbitri, cioè i soggetti - tecnici esperti della materia - che decideranno la lite. È possibile utilizzare l'arbitrato se le parti abbiano inserito nel contratto una clausola arbitrale, oppure se abbiano redatto un compromesso, una volta che la lite sia insorta.
La principale distinzione da fare tra i vari tipi di arbitrato è tra: Arbitrato Rituale (quando, svolgendosi secondo le regole del codice di procedura civile, conduce ad una decisione, il lodo rituale, che ha efficacia di sentenza) ed Arbitrato
Irrituale (quando conduce ad una decisione, il lodo irrituale, che ha natura ed efficacia negoziale, cioè di un patto contrattuale che se non adempiuto può essere reso esecutivo mediante un c.d. procedimento di ingiunzione o comunque un azione giudiziaria).
Qualora si dovesse decidere di affidare la risoluzione della controversia ad un arbitro, si dovrà tenere presente un'ulteriore distinzione, in quanto le parti potranno decidere di disciplinare direttamente l'arbitrato in base ad una apposita convenzione dagli stessi stipulata, oppure potranno rivolgersi ad una determinata istituzione che di ciò si occupa, come le Camere Arbitrali istituite presso le Camere di Commercio
La Camera Arbitrale generalmente non solo amministra i procedimenti, ma fornisce altresì, tramite il proprio personale specializzato, un'attività di consulenza preventiva in fase di redazione delle clausole, anche attraverso l'ausilio di modelli di clausole e compromessi, cui chiunque può riferirsi nella delicata fase di redazione di un contratto di cui sia parte.