Domanda: 

Ho acquistato un prodotto on line. Le clausole contrattuali prevedono che per ogni controversia sarà competente il Tribunale del luogo dove ha sede l'azienda venditrice, è legittima una clausola di questo tipo?

 
Risposta: 

Ai sensi dell'art. 33, comma 2, lett. u) del Codice del Consumo si presumono vessatorie fino a prova contraria le clausole che hanno per oggetto o per effetto di stabilire come sede del foro competente sulle controversie una località diversa da quella di residenza o domicilio elettivo del consumatore. La giurisprudenza ritiene che la norma introduca una competenza territoriale inderogabile a favore del giudice del luogo di residenza o di domicilio elettivo del consumatore.