Domanda: 

 Vorrei essere certo che, nel caso in cui, per qualsiasi motivo, mi dovessi trovare in stato di incoscienza, non dovrò subire accanimento terapeutico. Come posso fare?

 
Risposta: 

Allo stato, quello di subire un accanimento terapeutico non è un rischio ipotizzabile, in quanto vietato dallo stesso codice di deontologia medica, atto di autodisciplina vincolante per gli iscritti all’ordine che, pertanto, si guarderanno bene dal porlo in essere.