Sanzioni amministrative: novità

di: silvia.paschi - Federconsumatori - 28.08.2013
 

La multa costa meno se la paghi subito! è questa la novità contenuta nel Decreto del Fare in vigore dal 21 agosto 2013. Infatti, con questa norma viene modificato l'art. 202 del codice della strada, prevedendo la possibilità per il trasgressore di beneficiare di uno sconto del 30% sulle sanzioni amministrative pecuniarie se il pagamento viene effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale.  E’ una possibilità in più per i cittadini che desiderano pagare immediatamente le sanzioni ottenendo uno sconto consistente. Per precisa volontà del legislatore non è possibile la riduzione della sanzione per la violazione di alcune norme più severe, come quelle per esempio che prevedono la confisca del veicolo, la sospensione della patente e la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nei casi in cui la contestazione dell’infrazione venga contestata immediatamente dalla pattuglia della stradale al cittadino, verrà consegnato un modulo  in cui saranno indicati sia l’ammontare scontato del 30%, se pagato entro 5 giorni, e sia l’ammontare intero della multa se il pagamento della stessa avverrà oltre i 5 giorni. Se invece il verbale dell’infrazione viene notificato direttamente a casa, per esempio nei casi di infrazione rilevata con dispositivi elettronici , la data di decorrenza dei termini per il pagamento in forma ridotta è invece rappresentato dalla data della notificazione del verbale di multa. E’ utile anche che i cittadini sappiano che il pagamento effettuato correttamente estingue la sanzione, di fatto escludendo la possibilità di impugnare il verbale con ricorso alle autorità competenti. La multa scontata può essere pagata in contanti presso la sezione di polizia stradale che ha emesso il verbale, con un versamento tramite il bollettino postale, oppure per via telematica seguendo le istruzioni del sito www.poste.it. Non è possibile il pagamento direttamente all’agente che notifica il verbale e, alla data attuale, neanche nelle tabaccherie convenzionate.

Commenti

La leggitimità di un

La leggitimità di un provvedimento amministrativo si valuta, in relazione ai presupposti di fatto e di diritto, facendo riferimento alle norme di legge in vigore al momente dell'adozione del provvedimento. Pertanto vale anche in tema di provvedimenti amministrativo il divieto di retroattività.

 

 

Per la prima volta

Per la prima volta nell'ordinamento italiano, la proporzione fra reddito e sanzione è introdotta per violazioni al codice della privacy.
Le sanzioni di cui al presente Capo possono essere aumentate fino al quadruplo quando possono risultare inefficaci in ragione delle condizioni economiche del contravventore.