La vendita della casa senza certificato di abitabilità

di: Andrea Falchi - Adoc - 10.05.2012
 

ll certificato di abitabilità è il documento che certifica l'immobile circa la sua destinazione ad uso abitativo, secondo standard e canoni di igiene, salubrità, risparmio energetico dell'edificio e degli impianti in esso installati.
Costituisce pertanto una caratteristica fondamentale della casa e soprattutto è elemento determinante delle volontà di acquisto dell'immobile per fruirne come abitazione.

Ma cosa succede quando acquistiamo un immobile carente del requisito di abitabilità?

La Corte di Cassazione Civile, con sentenza n. 17707 del 2011, ha stabilito che la vendita di un immobile privo del certificato di abitabilità dà diritto al risarcimento del danno in capo al venditore (Artt. 1453, 1495).

La dottrina civilistica individua questa tipologia di vendita come aliud pro alio.

In pratica stiamo acquistando un immobile che crediamo abbia tutte le qualità di una casa ma in realtà l'assenza del certificato di abitabilità non attribuisce la qualità di abitazione all'immobile con ovvie conseguenza in termini di valore dell'immobile e problematiche concernenti la successione e la commerciabilità del bene.

Pertanto sarà possibile chiedere con provvedimento giudiziale il risarcimento del danno.

Commenti

ad oggi non esiste più

ad oggi non esiste più nessuna differenza tra agibilità e abitabilità: entrambe sono disciplinate dalla Testo unico 380/2001 eliminando per cui ogni differenza tra i due termini . In precedenza l'edificio agibile era quello che rispettava solo una parte delle norme tecniche (calcoli strutturali, igiene e altro), mentre l’abitabilità veniva rilasciata solo per gli immobili residenziali. Si ricordi che l'immobile senza agibilità può essere venduto purché la domanda sia stata quantomeno presentata o se non lo è il venditore deve assumersi l'obbligo di farla tempestivamente ( se ciò non dovesse avvenire il venditore ha diritto a un indenizzo)

ad oggi non esiste più

ad oggi non esiste più nessuna differenza tra agibilità e abitabilità: entrambe sono disciplinate dalla Testo unico 380/2001 eliminando per cui ogni differenza tra i due termini . In precedenza l'edificio agibile era quello che rispettava solo una parte delle norme tecniche (calcoli strutturali, igiene e altro), mentre l’abitabilità veniva rilasciata solo per gli immobili residenziali. Si ricordi che l'immobile senza agibilità può essere venduto purché la domanda sia stata quantomeno presentata o se non lo è il venditore deve assumersi l'obbligo di farla tempestivamente ( se ciò non dovesse avvenire il venditore ha diritto a un indenizzo)

Il Certificato di Agibilità

Il Certificato di Agibilità (ex Abitabilità) è rilasciato per l’intero immobile, sia esso un fabbricato, una civile abitazione o
un capannone industriale e non per le singole porzioni immobiliari come appartamenti, locali, piani, parti del
fabbricato, negozi, laboratori, boxes, cantine, etc.

Si consiglia quando si

Si consiglia quando si acquista dal costruttore, di non esporsi a gravi rischi e non fare il rogito senza avere in mano il certificato di abitabilità.