Il Passaporto temporaneo

di: Emanuela.Filia - Federconsumatori - 21.06.2012
 

Il passaporto temporaneo è un documento di viaggio di emergenza, con validità ridotta ad un massimo di 12 mesi. E’costituito da un libretto con 16 pagine e non è dotato di microchip. Il passaporto temporaneo viene rilasciato nei casi in cui si attesti e si documenti l’ impossibilità temporanea alla rilevazione delle impronte digitali. La mancata rilevazione delle impronte digitali potrebbe essere causata da fratture ossee o ferite ad ambo gli arti superiori. Inoltre il passaporto temporaneo è previsto in tutti gli altri casi eccezionali nei quali ci siano la necessità e l'urgenza di ottenere il passaporto ma sia impossibile ottenere il rilascio di un passaporto ordinario. Il passaporto temporaneo può essere utilizzato anche per viaggiare verso gli USA ma solo se corredato del relativo visto d'ingresso. Per il passaporto temporaneo non è prevista l'acquisizione delle impronte digitali
Come per il passaporto ordinario sono previsti dei casi di esenzione dalla firma sia per i minori di 12 anni, per gli analfabeti e per coloro che presentino una impossibilità fisica accertata e documentata che impedisca l'apposizione della firma. In questi casi al posto della firma ci sarà la dicitura "esente" scritta anche in lingua inglese e francese. Per richiedere il passaporto temporaneo è necessario compilare un’apposita domanda alla quale si deve allegare :
- un documento di riconoscimento valido
- 2 foto tessera identiche e recenti
- 1 contrassegno telematico di € 40,29 per passaporto.
Dal settembre 2007, la marca da bollo telematica ha sostituito quella cartacea che è stata dichiarata fuori corso. Pertanto, ora, sono in distribuzione (presso le tabaccherie) e devono essere utilizzate, esclusivamente, le marche da bollo in formato di contrassegno telematico. Il contrassegno telematico ha una validità di 365 giorni a decorrere dalla data del rilascio del passaporto. Per gli anni successivi la scadenza fa riferimento alla data dell'emissione del passaporto.
L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il pagamento del bollo effettuato per mezzo dei conti correnti postali è ammesso solo nel caso in cui l’interessato si trovi nell’oggettiva impossibilità di reperire i contrassegni telematici, connessa ad eventi eccezionali quali sciopero dei rivenditori, gravi calamità naturali.

Fonte: Ministero dell’Interno